Dormitorio per i senza fissa dimora a Torvaianica, cercasi volontari per la gestione

Pubblicato giorno 20 maggio 2021 - Senza categoria

WhatsApp Image 2021-05-19 at 00.29.05
Condividi su:   Facebook Twitter Google

La Caritas della diocesi di Albano, in collaborazione con le parrocchie del territorio, avvierà il progetto “dormitorio per i senza fissa dimora”, presso la parrocchia M. V. Immacolata di Torvaianica, dove prima funzionava la casa famiglia “Chiara e Francesco”, la quale ha la capienza di 14 posti letto, rivolto alle persone di sesso maschile che si sono ritrovati a vivere in mezzo alla strada. Il servizio sarà disponibile dalla metta di giugno.

Questo progetto si propone offrire non solo un posto letto dove passare la notte, chi usufruirà di questo servizio riceverà anche la cena e la colazione, e anche un piccolo sostegno psicologico e anche poter dialogare ed essere ascoltati dai volontari. I pasti saranno portati dalla casa per i papà separati di Tor S. Lorenzo. È previsto anche il servizio di lavanderia. Una dita si incaricherà della sanificazione giornaliera e gratuita dei locali.

Informazione generale per l’accesso al servizio:

  • Uomini adulti tra 18 e 75 anni, autosufficienti,
  • Colloquio preliminare per valuterà la possibilità dell’ingresso al servizio,
  • Idoneità fisica medica,
  • Firma del regolamento,
  • Non potranno entrare persone in stato di ebbrezza,
  • I pass saranno settimanali, rinnovabili massimo fino a 2 mesi.

Rete di volontari

I volontari devono avere fra 18 e 45 anni e fare un colloquio con l’equipe del progetto per capire dove collocarli, essi sono da trovare fra le parrocchie del territorio e tra i sevizi richiesti dovranno gestire:

  • Colloqui con le persone prima dell’ingresso al dormitorio.
  • I turni: due volontari per turno, ogni turno va dalle 18:30 alle 22:30 e dalle 8:30 alle 10:30.
  • Controllo degli zaini per impedire l’ingresso di sostanze o istrumenti che possano alterare il normale funzionamento del servizio.
  • Disponibilità al dialogo con gli assistiti.

Per aderire al progetto come volontario è necessario rivolgersi alla propria parrocchia di appartenenza.

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)